OLIO EVO BIO - Agriturismo Podere di Carraia

Vai ai contenuti

Menu principale:

OLIO EVO BIO

I motivi che lo rendono unico

1) Il microclima
A sud la Valle del Fiume Arno che favorisce una giusta quantità di umidità ed a nord i monti del Pratomagno che si pongono a barriera dei venti freddi.



2) Biologico
Siamo in coltivazione biologica sotto controllo della autorità Icea.
Non facciamo uso di nessuno prodotto chimico.
Neppure quelli consentiti come il rame.

3) Cultivar Leccio
La quasi totalità delle piante sono state messe a dimora nei primi anni 2000.
Abbiamo selezionato come predominante la qualità cultivar Leccio.


4) Il terreno
Terreno è costitito da limi sabbiosi argillosi. 5 milioni di anni, pliocene inferiore, fa era la parte terminale fluvio lacustre del lago del valdarno.

5) Il vento
Nei mesi in cui la oliva inizia a svilupparsi arriva nel pomeriggio da Ponente una ventilazione che accarezza con leggerezza l'uliveta.

6) Esperienza
La nostra esperienza risale a imprecisate generazioni e da sempre la correttezza è la cosa fondamentale che porta anche a cercare di migliorarsi sempre.

Insostituibile nella Grande Cucina
La nostra più grande oliveta è stata realizzata nell'anno 2000.
Abbiamo così potuto scegliere i cultivar più adatti alla grande cucina.
Dando origine ad un olio con un brand unico.
Ad esempio una insalata condita con il nostro olio è senza paragoni; ne sublima il suo sapore senza anteporsi.

Per chi non conosce l'olio di Reggello

Negli anni '70 a Reggello nasceva la prima Rassegna dell'olio EVO.

La prima in Italia e questo grazie ad piccolo gruppo di persone di cui i nomi erano: Seracini, Tognaccini Giovanni, Predellini Marcello, Caioli.

Una epoca in cui l'olio in agricoltura era considerato un prodotto secondario. Che veniva misurato in quantità prima che per qualità. Il fratello povero del vino. Esisteva in quello scenario un meno potente Consorzio del chianti Classico con vini discreti ma non al livello attuale. Esisteva un ininfluente Consorzio del Vino Chianti Putto. Non vi erano Enti o Associazioni intese a valorizzare l'olio EVO. Non esisteva Eatily, il Salone del Gusto di Torino ecc.
Il vino veniva venduto essenzialmente in damigiane. L'olio lo andavano a prendere in taniche e altri grandi recipienti. Il vino aveva prezzi bassi e solo in Ristorante riceveva una etichetta, mentre l'olio in proporzione valeva ancora di meno e neanche in Ristorante riceveva un riconoscimento di provenienza.
Nonostante questo nelle Fattorie trovavano lavoro molte persone e così i campi erano tenuti in maniera ordinata e meravigliosa anche per il bel vedere.
Ma perchè nacque proprio a Reggello la 1a.  Rassegna?
La Rassegna dell'Olio di Reggello nasce perchè le persone straordinariamente (!) anteposero il gioco di squadra, l'amore per il proprio paese ai meri interessi personali ed egoismi che non portano da nessuna parte.
Verrà tale manifestazione a costituire una rivoluzione non solo nell'ordinamento agricolo economico ma anche in quello sociale.
Questo grazie ad una intuizione:  abbinare il prodotto Olio al prodotto Turismo.
Sapevano di avere un prodotto di altissima qualità, senza paragoni in nessuna parte di Italia.
Sapevano che la società grazie all'automobile scopriva il piacere di muoversi velocemente nel tempo libero e nei fine settimana.
Così questi due ingredienti esplosivi uniti vennero a creare la Rassegna dell'Olio di Reggello. Le persone come previsto non arrivano solo dalla città di Firenze, ma dall'intero centro nord Italia.
Questo gruppo di amici arrivò fino a costituire una Cooperativa acquisendo un proprio marchio, una denominazione, una propria bottiglia ed una propria Etichetta.
Ma come nei romanzi Orwelliani non sempre il futuro porta dei miglioramenti o almeno il mantenere quelle cose buone.
Per anni la Rassegna è stata mantenuta viva dalla dirigenza politica (trainante) prima che dalla classe imprenditoriale (trainata).
Ciò nonostante l'olio di Reggello rimane sempre di altissima qualità. Anzi è migliorato: il tempo ha apportato tanti accorgimenti, attenzioni per aumentarne la qualità.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu